|

Sibilia:”Adesso la priorità è la salute, poi torneremo a giocare. Promozioni, retrocessioni e titoli non possono essere concessi a tavolino”

Cosimo Sibilia

In seguito ai provvedimenti del governo atti a limitare i contagi da Covic 19, moltissime attivita’ produttive del nostro paese si sono fermate.
Lo stop forzato della produzione comportera’ notevoli danni economici, mancate entrate che costringeranno molti presidenti delle squadre di calcio italiane a ridimensionare il proprio impegno finanziario nell’ambito sportivo.

La sensazione (per molti appare gia’ come una certezza) e’ che i prossimi mesi saranno difficili per il calcio, in particolar modo per le serie minori.
Figuratevi, per esempio, se nei prossimi mesi ci potranno essere introiti attraverso sponsorizzazioni, pubblicita’. Inpensabile. Anche questo sara’ un grave danno per tutte quelle piccole realta’ che sopravvivono anche grazie agli sponsor.

Intanto, mentre il paese si chiede quando finira’ questa pandemia, il presidente
della Lega Nazionale Dilettanti, nonche’ vicepresidente vicario della FIGC, Cosimo Sibilia, e’ tornato a parlare, a dare un suo particolare parere su quelli che potrebbero essere gli scenari futuri, ribadendo che e’ assolutamente impensabile assegnare promozioni, titoli, retrocessioni a tavolino.

“La priorità in questo momento è la salute, bisogna riflettere bene – ha dichiarato Sibilia a gazzettaregionale.it. – In Serie A ogni giorno sento posizioni differenti, alcune decisamente paradossali: un giorno si dice una cosa, quello dopo l’opposto.
Prima di tutto dobbiamo risolvere la situazione sanitaria – ha proseguito Sibilia – Stiamo vivendo un dramma e speriamo di uscirne presto. Quando tutto sara’ finito e potremo tornare alla normalita’ dovremo pensare a tornare in campo, perche’ e’ il campo l’unico giudice che puo’ decidere le classifiche, chi vince i titoli, le retrocessioni e le promozioni.
Dobbiamo prendere decisioni forti ed incisive che diano delle risposte alle persone, invece sento parlare continuamente di interessi personali. In molti sport si gioca anche quattro volte a settimana – ha concluso Sibilia – in caso di emergenza dobbiamo fare uno sforzo, perché, lo ribadisco: promozioni, retrocessioni e titoli non possono essere concessi a tavolino”.

www.Tifolucchese.com - Riproduzione Riservata

Url breve: http://www.tifolucchese.com/?p=25836

Pubblicato da il Mar 26 2020. Inserito nella categoria Tuttolucchese. Puoi seguire le relative risposte tramite RSS 2.0. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

2 Commenti per “Sibilia:”Adesso la priorità è la salute, poi torneremo a giocare. Promozioni, retrocessioni e titoli non possono essere concessi a tavolino””

  1. la penso come te, sempre che tutto vada bene….

  2. Questi sono veramente fuori dal mondo.
    Prima dell’autunno è impensabile che si giochi a calcio, a qualsiasi livello.

Scrivi una replica

Nuova pagina 1

Commenti recenti