|

Pro Piacenza nel caos, con l’Alessandria fine della corsa?

Sconfitta per 0-3 a tavolino e penalizzazione di 1 punto. E’ questa la sanzione comminata al Pro Piacenza che si legge nel comunicato ufficiale diramato dal Giudice Sportivo nella giornata di oggi, a seguito della seduta di ieri dell’organo di Giustizia Sportiva.

Il motivo di tale decisione, per dire il vero già attesa, sarebbe la mancata presenza della società emiliana lo scorso 30 dicembre al “Franchi” di Siena per la sfida contro i padroni di casa della Robur Siena.

Per i rossoneri, che perdono ulteriore terreno nella lotta salvezza scivolando al penultimo posto a quota tredici punti, si tratta, stando al regolamento federale, della terza “rinuncia” stagionale, l’ultima prima del segnale di fine corsa.

Al club del presidente Maurizio Pannella non rimangono altre possibilità di assenza, il che sta costringendo la società a cercare una soluzione tampone per quanto riguarda lo stadio in cui disputare le prossime gare interne. Le porte del “Garilli” vista la situazione debitoria nei confronti del Piacenza Calcio, gestore dell’impianto, saranno chiuse per i rossoneri, i quali nelle ultime ore starebbero sondando la possibilità di disputare la prossima uscita casalinga contro l’Alessandria al “Mazzola” di Santarcangelo.

Resta però da capire, oltre alle questioni logistiche, quale sarà l’undici che resterà a disposizione di mister Maspero. Certo è che, ora più che mai, il futuro dei piacentini resta sempre più appeso ad un filo, condizionando, non di poco, la lotta per la salvezza.

www.Tifolucchese.com - Riproduzione Riservata

Url breve: http://www.tifolucchese.com/?p=23665

Pubblicato da il Gen 9 2019. Inserito nella categoria Le Altre. Puoi seguire le relative risposte tramite RSS 2.0. Puoi lasciare un commento a questo articolo

1 Commento per “Pro Piacenza nel caos, con l’Alessandria fine della corsa?”

  1. Quello che non capisco, al di là della solidarietà verso i tifosi della Pro Piacenza, è perché il presidente non fa giocare i giovani. Ricordo che quando la società di volley di mia figlia chiese un rinvio di una partita perché le titolari erano tutte ammalate, la federazione non lo concesse, dicendo che la società aveva le squadre giovanili e che da quelle dovevano essere prese le atlete. Cambierebbe poco ai fini del campionato ma sportivamente avrebbe un senso. Magari qualche ragazzo si metterebbe pure in mostra.

Devi loggarti per poter commentare questo articolo Login

Nuova pagina 1

Commenti recenti