|

Il Campionato di Serie C è un cantiere aperto

Ferretti, presidente dell’Arezzo

Venerdi’ 15 settembre scadranno i termini per versare gli stipendi arretrati e i contributi ai tesserati delle societa’ che non si erano messe in regola al momento dell’iscrizione e che per questo saranno penalizzate in classifica.

Tra queste l’Arezzo, che in questi giorni ha sborsato oltre 250mila euro per far fronte ai costi di gestione del club.

Cifre importanti e che vedono tutte le societa’ della terza serie italiana combattere giorno per giorno per far fronte alle scadenze, agli impegni e soprattutto a far quadrare i bilanci.

Bilanci sempre piu’ sotto la lente d’ingrandimento e che molto presto porteranno ad una fisiologica scrematura delle squadre partecipanti al campionato di Serie C, ormai destinato ad un numero massimo di 38-40 club.

Questo e’ quello che vuole la federazione, che ormai si e’ detta stanca di concedere deroghe o proroghe sugli impianti, sulle scadenze, ecc, e che non ammettera’ piu’ ritardi, rinvii.

Una decisione drastica e che, vista la riduzione delle squadre, garantira’ piu’ introiti alle societa’ attraverso contributi federali e i diritti tv.

Soldi, si parla solo di quello, ed e’ ovvio, visto che sono molti i club che spendono parecchio per affrontare un campionato di serie C.

Niente a che vedere con la massima serie, dove le entrate sono ben altre e la squadra con il monte ingaggi piu’ basso (stipendi, contributi, ecc) e’ la neopromossa Spal con 4,95 milioni di euro.

Insomma, siamo nel bel mezzo del guado, con la trasformazione del campionato di serie C che resta ancora un cantiere aperto, almeno fino al prossimo anno.

www.Tifolucchese.com - Riproduzione Riservata

Url breve: http://www.tifolucchese.com/?p=19212

Pubblicato da il Set 14 2017. Inserito nella categoria Tuttolucchese, L'Angolo del Tez. Puoi seguire le relative risposte tramite RSS 2.0. Puoi lasciare un commento a questo articolo

6 Commenti per “Il Campionato di Serie C è un cantiere aperto”

  1. Io sapevo che la data la concordassero le due società e poi la lega desse il via libera definitivo, non che la lega imponesse una data però non conosco i regolamenti in ogni caso mi sembra un bel vantaggio per il Livorno che visto stasera forse non ne aveva nemmeno bisogno.

    • Infatti.
      È come dici. resta da capire chi e perché in società abbia deciso di concedere loro un vantaggio simile.
      Come al solito però qui quando c’è da sapere qualcosa stanno tutti zitti, come queste tre cordate di qui si legge sui giornali senza che ci sia scritto chi sono, da dove vengono…nulla di nulla, mai

    • Negli articoli letti si evince che le società si accordano Ela lega ratifica. Probabilmente hanno pensato che era meglio sfruttare la sosta forzata di 14 giorni e giocare il prossimo mercoledì.

  2. Era ovvio che con il giro di una squadra a turno ferma,laddove si gioca infrasettimanale chi riposa il mercoledì è favorito. Lo scorso anno ricordo che i turni infrasettimanali erano spalmati su di un paio di giorni e a noi toccò giocare nel turno precedente per ultimi mentre in quella successivo per primi. ( Mi pare proprio nel periodo Lopez quando eravamo contati come giocatori). Riguardo al recupero di Livorno ha ragione Alessio. Dare due giorni di riposo in più ai labronici di propria spinte è da fessi. Poi magari si vince ugualmente.

  3. Semplicemente perchè non possiamo scegliere…è la lega che decide così come ha deciso di farci giocare il derby di andata con il Pisa e la partita con l’Alessandria dopo un’infrasettimanale…e la sosta alla 18° giornata?? Lasciamo stare……Federazione ed AIC sono ridicoli Tommasi in primis!

  4. Premesso che si parla di calcio ed a Livorno hanno cose più importanti ora a cui pensare.mi chiedo perché abbiamo accettato di recuperare la partita di Livorno proprio la settimana che il Livorno e’ in anticipo ed ha due giorni in più per recuperare le energie .gia saremo svantaggiati con L arezzo ma perché fare questo regalo al Livorno?

Devi loggarti per poter commentare questo articolo Login

Nuova pagina 1

Commenti recenti