|

Giorgetti e Russo l’amore per la cucina e per il calcio

Alessandra Giorgetti è uno dei punti fermi della Libertas Femminile. Centrocampista pisana classe 1999 frequenta l’Istituto Alberghiero.

Grinta e voglia di far bene dando sempre il massimo sono le sue caratteristiche principali.
“Ho iniziato a giocare – ha commentato Giorgetti – all’età di sette anni con i maschi, poi è arrivata a tredici la chiamata di Elena Bruno che mi ha voluta all’Acf Firenze, dove ho vinto la Coppa Toscana Giovanissime e sono stata convocata per il torneo Under 15.

Successivamente sono arrivata al Lucca 2003 ed infine alla Libertas Femminile, sempre seguendo Elena Bruno che per me è un vero e proprio pilastro”.

Anche lei riesce abbastanza bene a conciliare lo studio con gli allenamenti.

“Diciamo che ci provo visto che frequento l’istituto alberghiero. Fino a qualche tempo fa organizzavo anche delle feste, ma poi ho preferito concentrarmi di più sugli allenamenti e lo studio. Quando capita lavoro a chiamata in qualche ristorante, compatibilmente però con le gare”.

Lei ha deciso di rimanere a Lucca. Come mai?

“Ormai questa è la mia casa e voglio continuare a fare bene con la maglia rossonera. Ho grande stima per Elena Bruno e quando lei mi ha spiegato quali erano le ambizioni non avuto nessun dubbio sul restare”.

Un’altra ragazza si è diplomata all’istituto alberghiero. Stiamo parlando di Perla Russo anche lei del 1999 di Massarosa che ha deciso di continuare la sua avventura nella Città dell’alborato cerchio.

“E’ vero – ha spiegato Russo – dopo aver giocato con i maschi nel Massarosa sono arrivata a Lucca dove ho giocato nel Lucca 2003 e poi nella Libertas Femminile. Come la mia compagna Giorgetti ho deciso di rimanere qui perché credo nel progetto”.

Come le è nata la passione per il calcio?

“A casa mia si respira nell’aria. Mio padre l’ha sempre seguito e continua a seguirlo anche adesso. Da piccola giocavo a pallone con i miei amici. Poi piano piano è cresicuto dentro di me il desiderio di giocare a pallone, così ho incominciato fino ad arrivare ad oggi”.

Per una donna non è facile però trovare gli spazi giusti.

“Purtroppo in Italia il calcio femminile non è considerato come meriterebbe. Tante ragazze sono costrette a rinunciare alla propria passione perché non ci sono le strutture adatte. Per questo motivo ho deciso di rimanere a Lucca perché credo che questa sia una società importante dove si cerca di valorizzare il calcio in rosa”.

www.Tifolucchese.com - Riproduzione Riservata

Url breve: http://www.tifolucchese.com/?p=22632

Pubblicato da il Ott 10 2018. Inserito nella categoria Tuttolucchese, Sotto la lente. Puoi seguire le relative risposte tramite RSS 2.0. Puoi lasciare un commento a questo articolo

Devi loggarti per poter commentare questo articolo Login

Nuova pagina 1

Commenti recenti